Itinerari a Venezia, luoghi di Venezia, Venezia misteriosa, Itinerari segreti a Venezia, Itinerari turistici a Venezia

Ghetto Ebraico

due giornate

Il  primo Ghetto Ebraico fu istituito durante il governo della Serenissima Repubblica Veneziana nel 1516, in una piccola isola del sestiere di Cannaregio, una zona della città dove erano attive molte fonderie. Proprio dal veneziano getar, che significa fondere, deriva il termine ghetto, usato per la prima volta a Venezia per indicare la zona nella quale furono confinati gli ebrei fino alla caduta della Repubblica e all’arrivo di Napoleone, nel 1797.

A Venezia la zona del ghetto ebraico era delimitata da cancelli e gli abitanti non potevano uscire dal tramonto all’alba. Gli ebrei, emarginati dalla società per ragioni economiche e religiose, potevano svolgere solo poche professioni come prestare denaro e gestire il banco dei pegni, attività che ai nobili veneziani erano interdette per motivi religiosi.
Il termine ghetto si diffuse poi in tutte le città d’Europa per indicare i quartieri di segregazione degli ebrei.

Il Ghetto Ebraico di Venezia si raggiunge con la linea 1 o 82 del vaporetto, scendendo alla fermata S. Marcuola – Ghetto, oppure con le linee 41, 42, 51 o 52, scendendo alla fermata Ponte delle Guglie – Ghetto. Da qui si imbocca il sotoportego che costituiva uno degli antichi accessi al ghetto vecchio.

Entrando nel ghetto ebraico di Venezia si nota subito la caratteristica urbanistica che lo distingue dagli altri quartieri della città: la presenza delle alte case-torri.

Infatti, allo scopo di contenere il maggior numero di persone in uno spazio limitato, le case del ghetto ebraico si svilupparono in altezza, dando origine a palazzi alti fino a otto piani e con i soffitti più bassi della media.

All’interno del ghetto gli ebrei si organizzarono in cinque diverse schole che divennero altrettante sinagoghe: la Scola Grande Tedesca, la Scola Canton, la Scola Italiana, la Scola Levantina e la Scola Spagnola, la più grande e la più conosciuta.

Le cinque sinagoghe del Ghetto ebraico di Venezia, oggi restaurate e aperte ai turisti per le visite guidate, sono le più antiche d’Europa.

Nel Ghetto Novo si può visitare invece il Museo Ebraico di Venezia, aperto nel 1955 dalla Comunità Ebraica veneziana e arricchito nel 1986 da alcune donazioni, dove sono esposte stoffe ornamentali, libri e oggetti sacri usati durante le cerimonie religiose.

Nel campo del Ghetto Nuovo, sul muro dell’antica Casa di Riposo ebraica, un bassorilievo dell’artista lituano Arbit Blatas ricorda le vittime dell’Olocausto perite nei campi di concentramento. 

Infine, chi avesse voglia di prendere il vaporetto, potrebbe visitare l’antico cimitero ebraico, fondato nel 1386 in un angolo tranquillo del Lido di Venezia: un luogo silenzioso e suggestivo dove sopravvive la memoria e dove la storia e la natura si fondono armoniosamente.

Oggi l’esigua comunità ebraica veneziana, appena più di cinquecento persone, continua ad avere il suo centro proprio nel ghetto dove alcuni dei suoi membri continuano a vivere e dove ogni sabato si ripetono le celebrazioni dello Shabbat, il settimo giorno del calendario ebraico, santificato con il riposo e la preghiera.

Oltre a qualche negozio che vende prodotti tipici da forno, come ad esempio il pane azzimo, nel ghetto si trovano ancora alcune librerie e qualche bottega di artigianato ebraico.

Nel sotoportego che conduceva al Gheto Vecio si trova invece il Gam Gam, l’ultimo ristorante a Venezia che serve piatti tipici della cucina kosher, la cucina tradizionale ebraica.

 

Informazioni utili:

Museo Ebraico
Cannaregio 2902/b
30121 Venezia
tel041 715 359
fax 041 72 3007

www.museoebraico.it

Orario apertura:
1° giugno - 30 settembre: 10.00 - 19.00
1° ottobre - 31 maggio: 10.00 - 18.00
Chiusura il sabato e le festività ebraiche, il 25 dicembre, il 1° gennaio e il I° maggio

Visite guidate alle sinagoghe
in italiano e in inglese, ogni ora a partire dalle 10.30; ultima visita guidata, dal 1° giugno al 30 settembre, alle ore 17.30; dal 1° ottobre al 31 maggio, alle ore 15.30. E' possibile, per motivi rituali, che l'ultimo tour del venerdì sia ridotto o eliminato.
Previa prenotazione, visite guidate in tedesco, francese e spagnolo.

Visite guidate all'antico cimitero ebraico
In primavera ed estate, domenica h. 14.30.
Prenotazione consigliata Visite sospese in caso di cattivo tempo.
Previa prenotazione la visita è possibile anche altri giorni della settimana.
Prenotazione richiesta per gruppi e scolaresche



Cerca nel sito

Primo hotel di design a Venezia in stile Art Decò dall’ambientazione retrò ma moderna
Flash player not installed or Javascript disables
Venezia cittàHotel 4 stelle Venezia - Itinerari a VeneziaEventi a VeneziaRistoranti a VeneziaTravel directory [ per info e pubblicità sul sito contatta info(at)venicecharms.com ]